Come diventare modelle o modelli di successo

Il segreto sta sia nell’aspetto fisico – ovviamente – ma prima di tutto sta nella vostra testa.

Per primo non fatevi illusioni, il mondo si muove, non sta aspettando voi e il vostro bel faccino.

Tanto meno voi siete al centro dei pensieri del mondo della moda e dell’immagine, figuriamoci in quello di agenzie, manager, selezionatori, creativi, fotografi, pittori, registi, aziende, e chi più ne ha più ne metta, persone che tutto il giorno sono alle prese con la parte meno divertente di questo ambito ed esattamente con la parte “Business”.

Sì, perché il business sta sopra di tutto, viene prima, è la molla che fa scattare il meccanismo, è la forza motrice che fa girare gli ingranaggi.

Un fotografo, un creativo, un addetto al casting selezionerà una modella o un modello per i seguenti motivi:

1) Ha l’espressione ed il fisico che gli interessano per realizzare il servizio fotografico che ha in testa.
1Bis) E’ una persona nota, cioè è conosciuta e si è ricavata una certa visibilità, allora è disposto anche a pagare di più perché oltre all’aspetto estetico il soggetto può essere anche un valido testimonial del prodotto o della situazione da rappresentare, molti influencer del web non sono per niente di aspetto fisico bellissimo, ma posano ed hanno lavoro come – ed a volte più – dei modelli dai lineamenti perfetti o caratteristici.

Questi vengono scelti per una questione che va oltre il loro aspetto fisico e quindi datevi da fare perché “chi non mostra non vende“, con questo non intendiamo assolutamente che dobbiate mostrare il vostro corpo o abbigliarvi in maniera eccessivamente succinta, al contrario, dovete fare scoprire al pubblico e agli operatori del settore voi stessi, il fatto che siete persone e non belle statuine, vendete la vostra immagine non il vostro corpo, vendete la vostra voglia di partecipazione, la vostra formazione, gli studi che avete fatto, i libri che avete letto, i progetti meravigliosi che avete in testa.

Mostrate voi stessi nella posa migliore che è la posa di chi non vuole solo sostituirsi a un manichino, ma vuole indossare gli abiti, rappresentare le situazioni, fornire l’immagine ad aziende, creativi ed addetti del mondo della comunicazione, un’immagine che oltre alla forma propone anche la sostanza di un rapporto professionale, una convivenza con il committente basata sull’ammirazione non solo dell’aspetto fisico ma sull’ammirazione di voi stessi per chi siete, per quanto vi state impegnando studiando chi recitazione, chi dizione, altri canto piuttosto che marketing o lettere, ecc.

Datemi retta se non siete dei manichini indosserete meglio gli abiti e sfilerete con più successo.